Epilogo Rosso Sangue

I nodi che vengono al pettine.
Un’altra battaglia per il Sociale?
Per la Democrazia?
Questa volta per la Morte o per la Vita?

Annunci

Quelli della Briscola – 20

Punteggi: Darietti +14; Zorapide +7; Il Caricatore +2; l’Onnivoro –5; L’Ing. della Briscola -18.

Con una tattica a dir poco narcotizzante il Darietti si porta a casa partita e stagione.
Lo strapotere dell’Ing è spezzato, un altro “campione” si affaccia sul palmares della briscola: il primo scudetto del Darietti.
Stagione finita.

Però c’è da dire, c’è da recriminare, c’è da fare le pulci, lo diciamo con un commento a caldo del grande sconfitto, l’Onnivoro:
“Dopo anni di vittorie a senso unico, che comunque premiavano gioco e fantasia, ora il sapere che il trofeo passa all’attendismo più bieco mi lascia una certa tristezza…
Non è solo culo, è l’impostazione tattica simile al catenaccio italiano.
Però ha vinto, facciamocene una ragione.
Il tempo laverà il ricordo di questa brutta pagina della storia della briscola…”.

Per rincarare la dose, Zorapide chiosa (sempre a caldo dopo essere stato accusato di provare invidia):
”Perché invidia!?
E’ lapalissiano che vinca grazie al suo Culo enorme, perché dal saper giocare a Briscola è molto lontano e le prove sono davanti agli occhi di tutti, me ne farò una ragione dai, d’altronde i nodi verranno al pettine prima o poi”.

Per terminare (e per onore di cronaca) poniamo anche la dichiarazione delirante del Caricatore che come al solito è sopra e fuori le righe:
”In tempi di crisi, premiano la prudenza e il metodo, più che genio e sregolatezza. Ma una considerazione è d’obbligo: chi ha le carte migliori vince, tanto più quanto più elevato è il livello di gioco. (Non dirò di aver introdotto degli errori con intento, qua e là…però…).

Ne segue che chi ha le carte peggiori perde, tanto più vero quanto più è bravo (se è bravo e perde, non può che essere per via delle carte).
Eh si, quest’anno sono stato il migliore. Ma un bravo anche a Dario, su, non si nega”.

Attendiamo dichiarazione dell’Ing., il quale si è chiuso nella torre di Londra e non vuole più vedere nessuno, incartapecorito dall’inedia.

Si chiude così un’altra stagione di gioie e di dolori, di pianti e di risate, di vittorie sudate e di rapine.
Vedetevela voi.
Si torna a settembre più caricati che mai.
Vi ringraziamo per la pazienza accordataci.
Buon proseguimento.

Ah, dimenticavo, questa la CLASSIFICA FINALE.

Quelli della Briscola – 19

Punteggi: L’Ing. della Briscola +10; Il Caricatore +5; Darietti +2; L’Onnivoro –1; Zorapide -16.

Avete proprio letto bene l’Ing. della Briscola è tornato alla vittoria!
Evviva!
Giubilo!
Dopo ben 10 tornate, no dico, 10 tornate a vuoto, un altro mattoncino giallo: sono soddisfazioni.
Forse che l’era della carestia è finita?
Stiamo uscendo dalla Crisi finanziaria?
La desertificazione si sta esaurendo?
L’Ing. della Briscola sta cambiando sesso?
Ci toccherà attendere la prossima partita per avere le risposte a tutte queste petulanti domande.

Per il momento ci limitiamo a registrare una serata all’insegna della caccia della Zanzara: le prede eravamo noi ed i Predatori erano gli ammaestrati insetti dell’Onnivoro, che con perizia chirurgica ci hanno dissanguato sino alla disidratazione.
E’ palese lo scopo della tresca: l’Onnivoro si è dato al commercio illegale di plasma.

Nella serata ridente dell’Ing. l’unico a piangere sul serio è Zorapide che torna ai suoi albori e sfodera una spregevole prestazione sotto lo zero.
Gli altri si accontentano: il Caricatore è tronfio, il Darietti è gonfio, l’Onnivoro è rigonfio, soprattutto dopo l’ultima mano in cui ha chiuso con un Cappotto su di una chiamata a CARICHI.

La Classifica generale ha ricevuto pochi scossoni dalla notte delle Zanzare viventi: i due là davanti continuano a studiarsi, i due lì di dietro continuano a scalciarsi, in mezzo viene Zorapide che si gode lo spettacolo, fuori da qualsiasi pericolo (di vittoria o di sconfitta).

L’incertezza regna sovrana.

It’s a Beautiful Day!

Che bella giornata …
Sin dagli albori …
Ti citofona tua moglie (scesa prima di te per andare a lavorare) e ti introduce alla giornata con notizie che ti cambiano la prospettiva …
Guarda che la 55 ci è entrata in Macchina!“.

Ecco, per chi non lo sapesse la 55 è il bus Atm che passa qua sotto…
Ma il bello della giornata è stata la mia Risposta:
E ci è stata?!“.

Mi sono sentito un pò Woody Allen.

E’ BONO Vox!

U2_Milano

Direi …
Uno spettacolo, spettacolare e spettacoloso, spettacolarmente interpretato, spettacolarmente pieno di luci, di colore e di atmosfera.
E la Musica poi, la Musica, quella Musica che ti riempie i polmoni, ti riempie il cuore: và dritta al punto!
Ma che ve lo dico a fare