Quelli della Briscola – 2

Punteggi: L’Onnivoro +14; Il Caricatore +6; Darietti +1; Zorapide –8; Ing. della Briscola -13.

L’Onnivoro continua a vincere, anzi a stra-vincere. Non si ferma più: i numeri sono tutti a suo favore, tutte le classifiche presenti sulla faccia della terra vedono lui come unico ed incontrato leader. Sembra davvero che l’alone di mistero e di venerazione che circondava (nella scorsa stagione) le prestazioni dell’Ing. della Briscola sia transumato e abbia stabile dimora tra le membra rachitiche dell’Onnivoro, al quale manca solo di camminare sulle acque.
E’ finalmente terminato il digiuno, l’anno di carestia, di secca mortale.
E’ l’ora dell’abbondanza, della ricchezza, è l’anno della nuova vita di un campione che sembrava perduto: la fenice che rinasce dalle ceneri.

La partita dell’Onnivoro è giocata con acume tattico mirabile (forse solo Deep Blue poteva sperare di fare meglio), sin dall’inizio non c’è storia, non c’è pietà per gli altri giocatori: Zorapide rimane stritolato nella morsa del serpente (le gambe che ti si stringono attorno ai fianchi cominciano a spappolarti uno ad uno gli organi, sino a quando non esplodi e di te non rimane che un macchia rossa sul muro).
L’Ing. della Briscola viene messo k.o. da un laccio californiano, i cui effetti devastanti sicuramente gli procureranno non pochi problemi anche nelle prossime partite.
Darietti riesce a difendersi dalla pioggia di fuoco rintanandosi dietro ad una poltrona, ma la sua resistenza dura giusto il tempo di combustione della stoffa e del legno dell’improvvisato rifugio.
Il Caricatore è l’unico, forse, che riesce sino a metà partita a tenere testa al ciclone Onnivoro: con mirati fendenti riesce a piazzare qualche fastidioso colpo, ma quando l’Onnivoro si giova dell’arma segreta, non c’è scampo neanche per l’intrepido mangiatore di patata.
L’arma segreta: una bottiglia di Sherry (scritto proprio così) invecchiato in stipetti di rovere, impolverati e pieni di inimmaginabili insetti portatori di extraterrestri malattie veneree.
Il Caricatore ai primi sorsi di questo liquoroso veleno ha cominciato a roteare la testa e muovere le braccia ritmicamente quasi fosse in preda alla Febbre del Sabato sera, poi colto da un malore improvviso al basso ventre è scattato verso il bagno con velocità inaudita, ma nella furia della corsa non si è accorto del tranello preparato per lui dal perfido Onnivoro: ad attenderlo sulla soglia del W.C. una torma di mosche tropicali la cui peculiarità è quella di essere attratte dal profumo di un uomo che corre in bagno perché non ce la fa più a trattenere ciò che gli sta esplodendo in corpo (è noto che l’Onnivoro sia uno dei pochi al mondo a possedere una collezione delle più rare specie di mosche sulla faccia della terra).
Insomma a tarda notte la sala dell’Onnivoro si presentava come un campo di battaglia fumigante e lui, il trionfatore, con il vessillo della Vittoria stretto in pugno che campeggiava sui corpi straziati degli avversari.

Questa è la Classifica che non farà altro che acuire la perversità e la perfidia dell’Onnivoro, il quale si mormora sia già al lavoro per preparare altri inimmaginabili trabocchetti per i suoi avventori.
Alla prossima.

8 risposte a “Quelli della Briscola – 2

  1. Ora che ho portato a casa il mio primo Carichi (dopo quasi tre anni), potrei ritirarmi soddisfatto dalle classi e occuparmi a tempo pieno ad insidiare il solo soprannome dell’Onnivoro. Ma non e’ questo il mio destino. Avvisati.
    Soprattutto tu che pavoneggi dall’alto dell’ultima mano …

  2. Non avendo ancora la connessione internet a lavoro, mi ritrovo solo ora a leggere i vostri gioiosi commenti sulle mie sventure…

    … tremate, perchè le mie preoccupazioni di natura lavorativa sono ormai agli sgoccioli! Ancora un paio di settimane e vi ricondurrò nei terreni negativi che vi competono… e sarà ancora uno solo al comando.

    Intanto complimenti all’Onnivoro e peccato per gli altri partecipanti che non stanno approfittando della mia pausa forzata…prometto di rifarmi se non alla prossima, sicuramente alla successiva… e allora saranno ‘azzi per tutti quanti!!!

  3. Che noia, che barba…
    Il diretto rivale, un tempo irraggiungibile lepre, ora sprofondante apneista.
    L’ex contendente per il secondo posto ora mira a insidiare l’ultimo, Zorapide almeno dimostra coerenza e prosegue il suo trand di sempre, ma non insidia nemmeno il primato sul valore asssoluto dei punti.
    Mi ritrovo a gareggiare con un caricatore che si sfalda al primo contatto con il connubio olio alcol.
    Sono costretto a trincerarmi dietro una boriosa autoesaltazione dopo solo 2 partite, onde stimolarvi a darmi qualche interesse verso un gioco che mi vede fin da ora immancabile vincitore

  4. L’ing. è scoppiato, l’onnivoro ha messo il turbo, il caricatore è dopato e zorapide è già in zona retrocessione. Quanto a me sono soddisfatto, infatti sono primo nella classifica delle derivate. A proposito, quando inseriamo gli studi di funzione nel blog ?

Se Vuoi puoi dire la tua ...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...