Quelli della Briscola – 5

Punteggi: Ing. della Briscola +7; Darietti +4; Rb +2; Il Taciturno –4; Zorapide -9.

Serata scoppiettante, brillante, nervosa, goffa. Torna alla vittoria l’Ing. della Briscola, anche se in modo macchinoso e soprattutto fortunoso. Rb rimane a bocca asciutta dopo aver rincorso la vittoria per tutta la partita: getta la spugna (o gliela fanno gettare) sul finale per un maldestro errore di Zorapide che non gli regala (a giochi fatti) un carico facile, facile e oltremodo prezioso, prezioso: forse che è stato fatto apposta per boicottare la sua seconda vittoria e favorire la prima dell’Ing.? Forse che la vendetta è un piatto che bisogna consumare freddo? Ai posteri l’ardua sentenza.
Il Darietti tatticamente si tiene su punteggi positivi e non brama certo raggiungere una vittoria che è a portata di mano: il proverbio dice che “Chi troppo vuole, nulla stringe”, ecco lui non vuole nulla, non desidera, il suo unico cruccio è quello di non lasciarci le penne; spesso e volentieri ci domandiamo come diavolo faccia ad essere in vetta alla classifica: misteri della fede.
Il Taciturno, nella sua prima apparizione nel club della Briscola, dimostra di essere un giocatore vero e di ottima qualità (il punteggio è bugiardo), al contrario del fratello (Darietti) più blasonato.
Zorapide parte bene, ma si smarrisce tra le urla altisonanti e furibonde di Rb.
Tutto sommato ad avercene di partite così: nelle prime 12 mani ben 6 SPECIAL. I 2 si sprecano. Gli insulti volano che è un piacere. Il ritmo è elevato. Che volete di più dalla vita?

La Fredda Cronaca
La serata non inizia con buona puntualità: si aspetta il Taciturno, che arriva con ben 5 minuti di ritardo. Certe cose ti segnano dentro.
Apre i giochi l’Ing. con un bel 2 a 64 e si porta subito in testa vincendo facile.
Terza mano CARICHI di Zorapide: vittoria facilissima visti i 54 punti serviti su di un piatto d’argento, la serata inizia benissimo per lui, sembra che la fortuna gli sia molto vicina.
Settima mano: il Darietti ostenta una certa sicurezza e chiama a botta sicura un 2 a 80, ma Zorapide preso da un raptus di follia chiama CARICHI un’altra volta, non tanto perché le carte gli arridessero in modo particolare (per la vittoria sarebbero serviti tatticismi di cui Zorapide è totalmente sprovvisto), ma quanto per fare ostruzionismo su di un arrembante e troppo sicuro di sé Darietti. Succede a volte che a lasciare le cose come stanno si guadagna molto di più, di fatti, senza la chiamata kamikaze di Zorapide, il saccente Darietti si sarebbe inavvertitamente chiamato in mano, con tutte le conseguenze del caso (e vallo a sapere!).
La mano successiva Zorapide avrebbe dovuto accusare il colpo, ma invece ci riprova (questa volta a botta sicura) e chiama un 2 a 70. Sì, un 2 a 70 con Asso, Tre, Re e due briscolette in mano, mica pizza e fichi!
Il fico (d’India) glielo presenta l’Ing. il quale si fa trovare all’appuntamento nudo e crudo con il solo 2 in mano e una caterva di carichi (ben 31 punti inutili) da mangiarsi le mani. A questo punto della gara, giunto a –9 Zorapide comincia ad accusare un certo dolorino al fondo schiena. Dalla sortita di Zorapide mungono a piene mani Darietti, che schizza a +6 ed Rb che si assesta su di un onorevole +3; l’Ing. ed Il Taciturno sono nulli ed appaiati.
Le cose per il Darietti vanno ancora meglio quando azzecca, subito dopo la chiamata di sopra narrata, un 2 a 70 in collaborazione con suo fratello: che bel quadretto familiare!
Darietti là in vetta con il suo bel +10!
Non finisce qua il momento magico delle chiamate SPECIAL (e siamo solo alla 10a mano). Dopo uno smunto (si fa per dire) 2 a 64 del Taciturno (vinto), l’Ing. si appresta a trionfare e a dare spettacolo con un bel 2 a 72! Non basta: la mano successiva il Taciturno si ributta nella mischia e chiama un 2 a 70, va a cogliere un euforico Ing. che, sulla scia della precedente chiamata, sembra tenere botta ed invece fa cadere lui ed il suo compare nel pozzo della disperazione, regalando gioia incontenibile alla coppia Darietti-Rb, i quali rimangono da soli a contendersi la leadership.
Che partita!
Che emozioni!
Che serata!
Terminata la scia di botti, si tira un po’ il fiato e si entra nella fase di stanca della partita. La fatica comincia ad affiorare sui volti dei giocatori, incominciano i primi malori, i primi caldi, i primi crampi dovuti alla stanchezza e ci si riposa qualche mano in attesa del rush finale (le lunghe pause di riflessione cominciano a farla da padrone). Zorapide, persa ogni velleità di vittoria, si dedica a sedare i crampi (della fame) con olive KALAMATA’ (olive nere, ma per il Darietti fa più figo chiamarle olive greche KALAMATA’) e alle cipolle borettane in agrodolce (misere soddisfazioni).
Per recuperare il ritmo il Darietti vede bene di dare uno strappetto: chiamandosi un 2 in mano intende prendere definitivamente il largo, ma la sortita non ha alcun effetto, l’utopico tentativo viene stroncato sul nascere da un giro impressionante di carichi che affossa la tattica spregiudicata del chiamante.
Unico risultato quello di ricompattare la classifica (tranne per la scheggia impazzita Zorapide): Darietti +8; Rb +7; Ing. +2; Il Taciturno –4; Zorapide –13.
Si giunge alla prima lacerazione (delle corde vocali di Rb) su di una chiamata del Taciturno vinta, dicono, per colpa di Zorapide (in realtà ci sono delle mani che non hanno storia).
La cazzata (se possiamo definirla così) è questa: chiamata del Taciturno 2 a 64 di cuori.
Seconda mano (il socio non è stato ancora individuato!): gioca Darietti (ininfluente); gioca Rb (un 5 di cuori); gioca Zorapide (Asso di quadri); gioca l’Ing. (raddoppio di carico); prende il Taciturno con un altro carico.
Ok si è fatto 30 punti.
Domande: chi se lo sarebbe inculato il 5 di cuori di Rb senza l’Asso di Zorapide? Chi sapeva che l’Ing. era il socio? Di solito non si tenta di far scendere le Briscole? Con il senno di poi son tutti bravi a parlare e sbraitare! E comunque l’Ing. era ben messo (con il senno di poi…).
Non vi dico che pandemonio ne è venuto fuori!
Un bordello assurdo: gente sui tavoli, il Darietti attaccato al lampadario, Rb che salta sul divano brandendo la televisione, Zorapide che tira fuori una pistola lanciarazzi. Insomma la follia allo stato puro. Per una mano che non avremmo mai vinto: con il carico di Zorapide si e no si collezionavano 30 punti (in totale)!
Si giunge alla terzultima mano (calmati i bollenti spiriti) con una chiamata scellerata di Darietti (2 a 74!) persa miseramente (grazie al “sotuttoio” di Rb) che ributta in gioco l’Ing. il quale si ritrova solitario a +5 in vetta. L’Ing. prova a vincere chiamando alla penultima un 2 di picche, ma la sorte e soprattutto il Taciturno non lo aiutano. Perde la partita e punti preziosi: ora è a +3, mentre il duo delle meraviglie Darietti ed Rb è a +4.
Nell’ultima mano c’è il giallo del carico non dato da Zorapide ad Rb: chiama ancora l’Ing. (2 di cuori); ultima mano con socio (quasi dichiarato Darietti). Giro di briscole e strozzi, arriva il turno di Zorapide che si tiene in mano il suo bel caricozzo (non sappiamo per quale ragione: forse senso di rivalsa su Rb). Vince l’Ing., vince Darietti (socio assodato).
Parità: 5 a 5.
Mano di spareggio: chiama l’ennesima volta l’Ing. che vince partita ed incontro.
Brucia, brucia, brucia il peperone!
Perché fa male, male, male!
Alla prossima.

Ad PERSONAM.
Zorapide: non finisce più il buco nero in cui si è infilato. Strapazzato e cazziato è in crisi psicologica da prestazione.
Schiaffeggiato.

Il Taciturno: prima uscita dignitosa. Gioca bene (meglio del fratello), ma raccoglie decisamente poco. Ce ne fossero giocatori così.
Meteora.

Rb: dice sempre che “E’ una partita di merda!” e “Che carte di merda”, ma alla fine è sempre lì a giocarsela. A parte gli incidenti di percorso, il suo è un gioco tatticamente valido.
Abbandonato.

Darietti: si preoccupa troppo del punteggio. Cerca di vincere a metà partita, ma gli va buca. La Fortuna è sua compagna fedelissima.
Re Mida.

Ing. della Briscola: torna alla vittoria, ma sono lontani i tempi d’oro in cui imponeva la sua legge. Rischia di essere degradato a Geometra della Briscola, ma si fa sotto nel finale e vince grazie anche ad aiuti inaspettati.
Free Willy.

Annunci

Se Vuoi puoi dire la tua ...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...