Contorni Sfumati

Nevica.
Nevica di brutto su Milano.
Il bianco ammanta le strade, i marciapiedi, le auto.
E’ difficile distinguere i contorni, le forme.
Ma mi volete spiegare che cosa ci faceva uno, fermo con il suo cane al guinzaglio, in mezzo alla strada?
Dovrebbe essere scontato e logico che dove passano le macchine c’è una strada, anche se ci sono tre metri di neve che la coprono.
O siamo noi automobilisti che viaggiamo ignari ed inconsapevoli sulle aiuole comunali?
Si può confondere un albero imbiancato, con un semaforo carico di neve?
Siamo quasi a Pasqua, non a Natale: le luminarie sugli alberi le hanno tolte da un pezzo!

Annunci

Quelli della Briscola – 12

Punteggi: Zorapide +16; Ing. della Briscola +5; Darietti +3; Avv. Peloso -7; Rb -17.Serata meditativa, pensosa, ascetica.
Per far si che diventasse un ritrovo di Are-krishna mancavano solo:
1 – Kimoni arancioni.
2 – Incensi profumati.
3 – Una statua del Buddha in miniatura.
4 – Tosatura delle criniere (tranne per il Darietti).
5 – Collane con palline di legno.

Si stenta a credere che dopo la bellezza di 15 mani i punteggi siano ancora tutti compresi tra 1 e –1. L’unica chiamata un po’ osé è del Darietti, che si spinge sino ad un 2 a 62: che botto!
Diciamocela tutta, non era proprio serata: l’Ing. era offuscato dal mal di testa e dall’emozione di avere tra le mani il nuovo libro della Clerici “Oggi Cucini TU” gentilmente omaggiato dalla famiglia Zorapide. Rb era offuscato dalle nebbie da lui stesso prodotte con le 7 sigarette (e forse più) “spolpate” sino al filtro. Zorapide si era perso nelle lattine di birra. Darietti era alla ricerca del suo IO più profondo (non trovandolo). L’Avv. Peloso era in evidente stato confusionale proprio dei consumatori di assenzio.
Una bella serata fumo, droga e rock n’ roll (quest’ultimo fattore malamente rappresentato da qualche sprazzo del Festival di Sanremo).
L’unico commento che si può fare alla serata (parafrasando Rb) è il seguente:
Darietti: perdente.
Ing. della Briscola: perdente.
Rb: perdente.
Avv. Peloso: perdente.
Zorapide: VINCENTE.
Tutto qui. Nulla di più e nulla di meno.
Quattro chiamate SPECIAL: tre 2 a 70 ed un 2 a 80 del Darietti (CHIAMTA IN della serata, ahimè).

La Fredda Cronaca.
Zorapide arriva con la sporta piena, DVD da masterizzare e doni per l’Ing.
Rb e l’Ing. arrivano insieme, architettando uno scherzetto con il video citofono: l’Ing. parlava con la voce di Rb. Doppiaggio malamente riuscito, che bambinoni, si divertono con poco. Se Darietti è il padrone di casa, quindi necessariamente presente, indovinate chi è stato l’ultimo ad aggregarsi al gruppo?

Commento telegrafico:
———- INIZIO TRASMISSIONE ———-
2a mano – Rb troneggia su Zorapide “PIRLA!”.STOP. Zorapide prende e porta a casa. STOP. La Maledizione di Zorapide si abbatte con forza su Rb. STOP.
10a mano – 2 a 62 di Darietti. STOP. 2 di fiori, socio Zorapide. STOP. Vittoria. STOP.
15a mano – Punteggi. STOP. Ing. +1. STOP. Avv. Peloso +2. STOP. Darietti +1. STOP. Rb –3. STOP. Zorapide –1. STOP.
16a mano – Chiamata di Zorapide. STOP. Jack di picche. STOP. Il socio Darietti si accorge solo al terzultimo giro di essere il socio. STOP. Il Tapino si giustifica affermando: ”La carta si è nascosta dietro alle altre!”. STOP. Zorapide baciato dalla fortuna vince comunque pettinandosi lo stomaco con una cassa di MALOX. STOP.
19a mano – Zorapide chiama un 2 a 70, fuori di tre. STOP. 2 di Picche. STOP. Vittoria illuminata dal fornitissimo socio Darietti. STOP. Zorapide ringrazia. STOP.
25a mano – L’Ing. in preda al panico da prestazione chiama. STOP. 2 a 70. STOP. 2 di Quadri. STOP. Zorapide (socio) baciato dalla fortuna, bacia l’Ing. donandogli un Re ed un’altra briscola. STOP. L’Ing. ringrazia, ma vede Zorapide in vetta ancora più lontano. STOP.
28a mano – Colpo di coda del Darietti. STOP. 2 a 64. STOP. L’avvocato gli presenta il conto salatissimo di un 2 di fiori e nient’altro. STOP. Disperazione Darietti. STOP. Buco nero Avv. Peloso. STOP.
29a mano – Darietti si rifà della mano sfigata sopra citata e chiama. STOP. 2 a 80. STOP. Zorapide ha il due di Picche che necessita. STOP. Zorapide sprovvisto di briscole. STOP. Zorapide ha solo due miseri ASSI. STOP. Vittoria schiacciante. STOP. Zorapide partita ed incontro. STOP.
30a mano – Nel più completo anonimato e nel più completo disinteresse Rb chiama un 2 a 70. STOP. Zorapide è decisamente avvinghiato alla fortuna. STOP. 2 di fiori e altre due briscole. STOP. Rb si riabilita un poco e vince. STOP. Comunque finisce a –17. STOP. Felicitazioni. STOP.
———- FINE TRASMISSIONE ———-

Ad PERSONAM

Avv. Peloso: chiama due volte in 30 mani. LSD gli offusca le meningi. Non vede l’ora di partire per il viaggio di piacere negli States. Le briscola è l’ultimo dei suoi pensieri. Sognatore.

Rb: la riflessologia è la sua specialità, nel senso che gioca con i piedi. Particolarmente ispirato negli insulti. Ogni tanto lo si intravede attraverso i manti di nebbia. Giusto all’ultimo fa una chiamata degna di nota. Parsifal alla ricerca del Santo Graal.

Zorapide: raccoglie più del dovuto. E’ il socio perfetto nelle chiamate che contano. Fa vincere e vince. Mietitore.

Ing. della Briscola: gioca con carte impossibili. Tenta di costruire qualcosa di importante avendo in mano solo polvere e tormento. Leone in gabbia con la museruola.

Darietti: la lentezza con cui gioca è disarmante, ad ogni giocata suda sangue. Silvan gli fa una pippa quando fa sparire il Jack di Picche di Zorapide. Illusionista nelle tenebre (senza pila)